Web radio e comunicazione radiofonica


image_pdfimage_print

Immagine che rappresenta una web radioNonostante i suoi 120 anni abbondanti di vita, la radio continua ad essere uno dei media più amati ed usati dalle persone. A differenza della televisione, infatti, la radio si può mettere come sottofondo mentre si fanno le cose più disparate: mentre si cucina, mentre si studia, mentre si lavora, in macchina! Non obbliga ad un’attenzione concentrata e fa da compagnia. A differenza della televisione, poi, la radio permette un’interazione tra le parti più immediata e semplice.

Con il diffondersi delle tecnologie informatiche, tra la metà degli anni ’90 e gli anni ’00 nascono e si diffondono le web radio: se già prima la radio era il media più accessibile per i cittadini, con lo sviluppo delle reti informatiche e di internet farsi oggi una web radio è veramente alla portata di tutti, almeno dal punto di vista tecnico.

Come per gli altri nostri servizi, anche nel caso delle web radio i miei partners ed io usiamo sempre e solo software libero.

Per costruirsi una web radio servono, di fatto, poche cose:

  • una postazione di trasmissione, che può andare da un semplice computer con microfono collegato ad internet ad un vero e proprio studio di trasmissione con tutti i crismi;
  • uno spazio su internet dove poter ospitare le proprie trasmissioni (comunemente detto podcasting), se non si trasmette in diretta;
  • un server di streaming con cui trasmettere in diretta il proprio flusso audio;
  • un software di gestione del palinsesto della web radio (sempre che si decida di trasmettere per molte ore consecutive, se non addirittura 24 su 24).

Podcasting: audacity

Nel caso in cui non interessi la diretta, il sistema più semplice è quello di un computer con cui registrare la voce (basta un semplice microfono, anche quello incorporato nei portatili, se non uno di quelli da pochi euro da attaccare via usb), della musica in formato digitale (di cui si possiedano i diritti di utilizzo), ed un semplice editor di file audio, come audacity, un software libero multipiattaforma. Con questi strumenti si può costruire, in maniera relativamente semplice, un file mp3 contenente il parlato, la musica, per poi caricarlo su uno spazio web da cui gli utenti potranno scaricarlo per sentirlo. È il cosiddetto podcasting, cioè il mettere a disposizione dell’utenza una “trasmissione” da ascoltare in un secondo momento. Il podcasting può benissimo essere associato anche alle dirette e ad un palinsesto strutturato e complesso.

Streaming: Icecast ed Airtime

Nel caso, invece, interessi trasmettere anche in diretta, e che comunque si voglia strutturare un palinsesto più complesso e più simile ad una vera e propria radio, serviranno gli strumenti di cui sopra: un server di streaming ed un programma di gestione del palinsesto. È in questo secondo caso che arriviamo noi con la nostra offerta commerciale.

Quello che noi offriamo, forti della nostra esperienza più che decennale, è una soluzione chiavi-in-mano che è possibile grazie al software libero Airtime, un’applicazione web – quindi accessibile da qualsiasi postazione abbia un collegamento ad internet – che permette di organizzare un palinsesto complesso, fatto di trasmissioni registrate e dirette, comprese eventuali pubblicità e tanto altro.

Un'immagine del programma Airtime

Il Program Calendar

Per usare Airtime sono possibili due soluzioni:

  1. usare la versione commerciale del programma, Airtime Pro, cioè appoggiarsi all’hosting ad hoc che la società produttrice – Sourcefabric – ha creato, pagando il canone annuale di conseguenza;
  2. servirsi della nostra offerta commerciale, che comprende:
    1. installazione e configurazione del server su cui poi verrà fatto funzionare Airtime (server su cui si installeranno le versioni server delle note distribuzioni GNU/LInux debian o ubuntu);
    2. installazione e configurazione di Airtime e del software accessorio necessario al suo funzionamento (Icecast, postgresql, etc etc);
    3. eventuale installazione e configurazione della sala di registrazione e trasmissione;
    4. eventuale formazione sull’uso del software Airtime e della sala di registrazione e trasmissione.

Tutto ciò è possibile grazie alla mia collaborazione, ormai da più di un lustro, con il Network di web radio 11radio di Roma, che si occupa di Comunicazione Sociale ed ha 3 postazioni (San Paolo, Magliana e Montagnola) in città.